Istituto Comprensivo Di Lerici ISA 10

ISA 10 Istituto Comprensivo di Lerici
“A Lerici un muro di vento azzurro ci separa dal mondo” (F. Tonelli) P.zza Bacigalupi 6, 19032 Lerici (SP)
Tel. 0187967185 • email: spic806007@istruzione.it
PEC: spic806007@pec.istruzione.it • Cod. Mecc. SPIC806007
C.F. 90016630114
Scegli tu!

Scegli Tu! affronta il tema dell’educazione all’affettività e alla sessualità  attraverso l’esame di emozioni, stati d’animo e sentimenti e richiamando l’attenzione degli alunni sui rischi di adottare comportamenti  sessuali sbagliati e sui pericoli di contrarre malattie sessualmente trasmissibili.

I comportamenti sessuali rivestono una notevole importanza per le conseguenze sulla salute, in particolare per il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmesse (MST), avere gravidanze indesiderate ed effettuare interruzioni volontarie di gravidanza (IVG).

Il Rapporto HBSC Liguria 2014 (Health Behaviour in School-aged Children http://www.hbsc.unito.it/files/pdf/reports/2014/Report_Liguria.pdf), mostra che circa un quindicenne su quattro ha già avuto rapporti sessuali completi e che tale comportamento non presenta differenze di genere. L’indagine ha inoltre messo in evidenza che circa un terzo dei ragazzi/ragazze che hanno già avuto rapporti, non hanno usato il preservativo nel loro ultimo rapporto, esponendo dunque se stessi e il partner al rischio di MST.

I dati sulle MST relativi al periodo 1991-2013 e provenienti dai due sistemi di sorveglianza sentinella coordinati dal Centro Operativo Aids dell’Istituto superiore di Sanità, mostrano che la loro diffusione in Italia è rilevante. La frequenza è rimasta abbastanza stabile fino al 2004 e a partire da quell’anno ha subito un notevole incremento con una media di oltre 5000 notifiche per anno. L’incremento è stato registrato sia nelle MST di origine batterica (infezioni da Clamydia Trachomatis, Sifilide e Gonorrea) sia in quelle di origine virale (Condilomi ano-genitali ed Herpes Genitalis). In particolare le infezioni da Clamydia Trachomatis, che espongono al rischio di sterilità, sono quelle più frequentemente segnalate e colpiscono soprattutto i giovani tra 15 e 24 anni nei quali i tessuti genitali sono ancora immaturi e più suscettibili ad agenti patogeni (http://old.iss.it/binary/publ/cont/ISTnuovo2.15.pdf).

Per quanto riguarda le infezioni da HIV, la Liguria si colloca da molti anni tra le regioni a più elevata incidenza con quasi 7 casi ogni 100.000 residenti nel 2016 e tale andamento si riflette anche sul tasso di notifiche per l’AIDS (tasso standardizzato per età pari a 1.95 casi/100.000 residenti nel 2016 (http://old.iss.it/binary/publ/cont/COA.pdf)

I dati più recenti (2016) sulla frequenza dell’interruzione volontaria di gravidanza in Italia mostrano che la Liguria detiene il primato del tasso di abortività tra le donne in età feconda (8.8 IVG per 1000 donne di 15 – 49 anni) e di quello a carico di minorenni (oltre 4 IVG per 1000 donne con meno di 18 anni) (http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2686_allegato.pdf).

Una vasta letteratura scientifica suggerisce con forza il ruolo cruciale dell’Educazione Affettiva e Sessuale. nella prevenzione delle problematiche legate a comportamenti sessuali non salutari (ad es. età precoce al primo rapporto sessuale, elevato numero di partner, rapporti sessuali occasionali e non protetti ecc.),

(http://www.unaids.org/sites/default/files/media_asset/ITGSE_en.pdfe https://www.bzgawhocc.de/fileadmin/user_upload/Dokumente/WHO_BZgA_Standards_italienisch_new.pdf).

La SIGO (Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia), da anni impegnata nella promozione dell’educazione sessuale nelle scuole, ha predisposto un kit didattico completo per la realizzazione di corsi tematici che sarà in parte utilizzato per la realizzazione del presente progetto (http://www.sceglitu.it/kitsulleducazionesessuale).

Le linee guida internazionali per l’educazione affettiva e sessuale in ambito scolastico riconoscono i genitori e gli insegnanti quali figure educative fondamentali nella preadolescenza e spesso si ritrovano impreparati ad affrontare i cambiamenti, sia di tipo fisico che emotivo e relazionale, dei figli/alunni.

E’ utile quindi potenziare in queste figure, le conoscenze relative alle tematiche dell’affettività e sessualità in tale età in modo da facilitare la relazione con i propri figli/alunni su questi argomenti.

In particolare gli inseganti possono essere formati per gestire percorsi di educazione affettiva e sessuale con le loro classi al fine di fornire informazioni sui temi della affettività e sessualità, stimolare nei ragazzi riflessioni e facilitare la condivisione dei loro dubbi.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.